Il Progetto Dynamap

Il progetto mira a sviluppare un sistema di mappatura acustica dinamica in grado di rilevare e rappresentare in tempo reale l’impatto acustico generato dalle infrastrutture stradali. Ambito del progetto è la Direttiva Europea 2002/49/CE (END) relativa alla determinazione ed alla gestione del rumore ambientale (END). In particolare, il progetto riguarda la necessità di aggiornare le mappe acustiche ogni cinque anni, come stabilito dalla END.
L’aggiornamento delle mappe di rumore in maniera tradizionale richiede un ragguardevole impegno di tempo e di risorse economiche, che ha un impatto significativo sui bilanci delle autorità incaricate di fornire le mappe acustiche, quali i gestori di strade o le Amministrazioni Centrali e Locali.
Per facilitare l’aggiornamento delle mappe acustiche e ridurre il loro impatto economico, la reiterazione delle attività di mappatura del rumore può essere automatizzata sviluppando un sistema integrato per l’acquisizione ed elaborazione dei dati in grado di rilevare e rappresentare in tempo reale il clima acustico prodotto dalle sorgenti di rumore. Il sistema sarà costituito da sensori a basso costo che misurano i livelli di pressione sonora emessi dalla sorgente di rumore e da uno strumento software basato su una piattaforma GIS per l’aggiornamento in tempo reale delle mappe.
Mentre questo approccio sembra molto promettente nelle aree in cui le sorgenti di rumore sono ben identificate, come quelle vicino a strade principali, in scenari complessi, come gli ambiti urbani, occorre effettuare ulteriori valutazioni per rendere l’idea fattibile.
In questo progetto, sarà elaborato e realizzato un sistema di monitoraggio per controllare e verificare la fattibilità di aggiornamento delle mappe acustiche in tempo reale lungo una strada principale (il Grande Raccordo Anulare di Roma – Italia) e nell’agglomerato urbano di Milano (Italia).

Struttura del Progetto

Il progetto sarà realizzato attraverso quattro fasi principali:

  1. sviluppo di sensori a basso costo e di strumenti per la gestione, l'elaborazione e la rappresentazione in tempo reale di mappe acustiche su piattaforma GIS
  2. progettazione e realizzazione di due sistemi dimostrativi nelle città di Milano e Roma. Il primo coprirà una parte significativa dell'agglomerato di Milano, mentre il secondo sarà posizionato lungo una strada principale che circonda la città di Roma
  3. monitoraggio dei suddetti sistemi per almeno un anno per verificare criticità, analizzare i problemi ed i malfunzionamenti che potrebbero verificarsi durante il periodo di prova. I risultati dei test saranno poi utilizzati per proporre aggiornamenti del sistema ed estendere la sua applicazione ad altri parametri ambientali
  4. redazione di linee guida per la progettazione e la realizzazione della mappatura acustica in tempo reale.

Le quattro fasi saranno attuate attraverso 14 azioni principali:

2 AZIONI PRELIMINARI (A1-A2):

queste azioni prevedono una panoramica sullo stato dell'arte in materia di mappatura acustica in tempo reale e l’individuazione delle aree pilota da utilizzare per l’implementazione dei sistemi dimostrativi.

9 AZIONI D’IMPLEMENTAZIONE (B1-B9):

queste azioni contemplano il dimensionamento della rete di monitoraggio, lo sviluppo hardware e software, l’implementazione e test del sistema nelle aree pilota, la redazione della linea guida alla mappatura del rumore in tempo reale.

3 AZIONI DI MONITORAGGIO (C1-C3):

queste azioni includono la valutazione della risposta del pubblico e delle capacità dell'utente a consultare e gestire il sistema, l’analisi dei costi e dei benefici, l’individuazione delle future applicazioni del sistema.

In aggiunta il progetto prevede cinque ulteriori azioni, dedicate alla gestione del progetto ed alla disseminazione dei risultati.

Le azioni saranno realizzate da sette beneficiari tra gestori stradali (ANAS, gestore delle strade statali italiane), enti locali (Comune di Milano e AMAT), università (Università di Milano "Bicocca" e Università di Barcellona "La Salle"), aziende private (ACCON e BLU WAVE).

ANAS coordinerà il progetto, fornirà competenze gestionali e risorse per implementare il sistema su una strada principale, monitorerà la risposta del pubblico e la capacità dell'utente nella consultazione e gestione del sistema in collaborazione con AMAT e Comune di Milano.

Il Comune di Milano ed AMAT coordineranno le azioni di disseminazione e forniranno le risorse per la realizzazione del sistema nella città di Milano.

Le università di Milano e Barcellona si occuperanno principalmente di aspetti tecnico-scientifici, quali il dimensionamento della rete di monitoraggio, lo sviluppo di algoritmi di elaborazione, il test del sistema e l’elaborazione delle linee guida.

BLU WAVE e ACCON forniranno le competenze necessarie per lo sviluppo dei sistemi hardware e software, nonché per la loro installazione e manutenzione.

Risultati attesi

Ci si attende che il progetto sia in grado di produrre i seguenti risultati principali:

  1. sviluppo di sensori a basso costo - Il progetto comprende lo sviluppo di sensori a basso costo per il rilevamento dei livelli di rumore generati dalle sorgenti sonore presenti nelle aree da mappare.
  2. sviluppo di uno strumento software per la mappatura acustica dinamica - I dati provenienti dai sensori verranno inviati ad un sistema di gestione dati, attraverso un applicativo software dedicato alla gestione ed elaborazione dei dati in tempo reale.
  3. realizzazione di due sistemi dimostrativi - Il sistema sarà installato e testato in due siti diversi, di cui il primo dislocato all'interno dell'agglomerato di Milano ed il secondo lungo una strada principale che circonda la città di Roma
  4. risultati dei test del sistema nei due aree pilota - Il sistema sarà testato per un anno al fine di valutare la sua affidabilità, individuare e risolvere i problemi, determinare la sua accuratezza e calcolare l'incertezza associata alle mappe acustiche
  5. potenziamento del sistema con ulteriori sensori – Verifica di fattibilità: sarà analizzata la possibilità di potenziare il sistema con ulteriori sensori in grado di aggiornare le mappe dinamiche con informazioni aggiuntive, quali la qualità dell'aria, le condizioni meteorologiche, ecc.
  6. risultati dei test sulla risposta del pubblico e la capacità dell'utente nella consultazione e gestione del sistema – lo strumento software sarà strutturato con diversi livelli di accesso ai dati in base ai privilegi assegnati agli utenti autorizzati. Lo strumento sarà testato per verificare la risposta del pubblico e la capacità dell'utente nella consultazione e gestione del Sistema.
  7. disseminazione - Il progetto prevede una vasta campagna di divulgazione basata su canali di comunicazione tradizionali e web, quali conferenze, seminari, workshop, un sito Internet dedicato, social network, applicazioni per smart device e forum.