Ambito del progetto

Ambito del progetto è la Direttiva 2002/49/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa alla determinazione ed alla gestione del rumore ambientale (END). La direttiva si pone l’obiettivo di definire un approccio comune volto ad evitare, prevenire o ridurre gli effetti dannosi dovuti all’esposizione al rumore ambientale. A tal fine, la Direttiva prevede la redazione di mappe acustiche da aggiornare periodicamente ogni cinque anni per tenere conto dei cambiamenti intervenuti nelle condizioni ambientali (principalmente traffico, mobilità e sviluppo urbano) nel periodo di riferimento.

L’aggiornamento delle mappe di rumore in maniera tradizionale richiede un ragguardevole impegno di tempo e di risorse economiche, che ha un impatto significativo sui bilanci delle autorità incaricate di fornire le mappe acustiche, quali i gestori di strade o le Amministrazioni Centrali e Locali. Per facilitare l’aggiornamento delle mappe acustiche e ridurre il loro impatto economico, la reiterazione delle attività di mappatura del rumore può essere automatizzata sviluppando un sistema integrato per l’acquisizione ed elaborazione dei dati in grado di rilevare e rappresentare in tempo reale il clima acustico prodotto dalle sorgenti di rumore. Mentre questo approccio sembra molto promettente nelle aree in cui le sorgenti di rumore sono ben identificate, come quelle vicino a strade principali, in scenari complessi, come gli ambiti urbani, occorre effettuare ulteriori valutazioni per rendere l’idea fattibile.

In aggiunta la Direttiva Europea stabilisce che siano rese disponibili mappe acustiche semplificate e di facile lettura per informare il pubblico sui livelli di rumore e le azioni da intraprendere da parte delle autorità locali e centrali per ridurre l’impatto acustico sull’ambiente. A tal fine, il sistema Dynamap prevede la pubblicazione on line delle mappe e la possibilità di accedere al database contenente le informazioni sullo stato di inquinamento acustico rilevato con diversi livelli di accesso: semplificato per il grande pubblico e con informazioni di maggiore dettaglio per gli utenti qualificati ed autorizzati.

Infine, il sistema Dynamap sarà progettato in modo da poter accogliere anche altri tipi di sensore in grado di rilevare informazioni aggiuntive che richiedono una valutazione periodica, quali la qualità dell’aria, le condizioni meteorologiche e stradali, i volumi di traffico, al fine di fornire una visione più completa ed integrata dell’impatto ambientale dovuto alle sorgenti di rumore presenti nelle aree monitorate.